2 Comments

  1. Bravo Fabio, mi piace la tua sensibilità nel raccontare l’essenziale sia nella natura che nella natura “modificata”. Nel 68 c’era uno slogan tra i più belli, che non dimentico: Cultura è conoscere e trasformare la realtà. La trasformazione, il lavoro, le nostre tracce. Raccontale con la tua attenzione. Ciao Paolo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.